Gli amici degli Stronzi e altre storie – part 1

Una delle domande che mi vengono poste spesso è “Ma come sono i tedeschi? Ti trovi bene con loro?”In 5 anni a Warmbronn ho parecchi amici, la maggior parte tedeschi, quindi immagino che la risposta sia sì, mi trovo bene. Più divertente però, è parlare delle persone con cui non ho un rapporto di particolare affetto e amicizia, quelle che ho etichettato con accuratezza, per una abitudine un po’ infantile e un po’ stronzetta di affibiare soprannomi appiccicosi e che diventano in breve dei veri e propri nomiecognomi condivisi dalla cerchia privata. Sono persone che, nel bene e nel male, hanno qualche tratto che fa ridere, sono la commedia della nostra vita quotidiana.

La famiglia Stronzi sono stati i primi ad essere stati etichettati, ne avevo parlato anche in passato. Il nome dice tutto. Il rapporto con loro rispetto all’inizio è migliorato, hanno chiuso un occhio sulla nostra italianità e i saluti, gli inviti a cena di gruppo non sono mancati. Questo non toglie che siano Stronzi e che si sappia.

I migliori amici degli Stronzi, sono i Gianda. La famiglia Gianda deve il nome al padre di famiglia, un omone buono, con un vago sorriso e il cappellino con la visiera anni ’90, uno che se lo vedesse mia madre direbbe “grande, grosso e ciula”. Coi Gianda abbiamo un rapporto più frequente poiché il figlio dei Gianda ultimamente vuole andare all’asilo a piedi col Nano nostro, che gianda non è e infatti alla lunga si sta un po’ scocciando di tirarsi dietro questo, che dopo 3 anni ha dei dubbi sulla strada da fare.

La Mamma Scema è una cara amica della signora Stronzi. E’ interessante perché in tempi più recenti ho scoperto che la Mamma Scema è la moglie del Toten Hosen. La Mamma Scema non è da commentare, homen nomen. Il Toten Hosen è un mito inarrivabile, un rocker tedesco stranamente basso con una maglia dell’omonimo gruppo e la risata facile completamente a caso. Entrambi sono di compagnia, peccato che di due non riesci a tirarne fuori uno sano. Sono una coppia meravigliosa.

A proposito di persone perse, come non citare la coppia di genitori “che hanno perso i neuroni in qualche locale“. Sono una new entry in paese e Lui grazie alla mia descrizione non ha esitato un attimo nel riconoscerli. Lei cicciottella, la palpebra calante e i capelli che una volta devono essere stati sul rosato, lui magrolino e con l’occhio vacuo, entrambi fanatici di una squadra di calcio di bassa lega. Ne ho incontrate manciate di coppie così, solo che avevano 20 anni e neanche un figlio, tutte persone buone come questi due, solo con qualcosa di irrecuperabile dimenticato in qualche locale.

Non sono amiche di nessuno e fanno gruppo a parte, Simpatia portami via e la Porcina, perché le due figlie sono amiche del cuore. Simpatia portami via non è da spiegare, la Porcina ha gli occhi troppi vicini in un viso molto paffuto e mi duole dire che la figliuola le somiglia tantissimo e gli stessi tratti maldestri si ritrovano nella nonna.

Fine della prima parte.

La prossima volta mi concenterò un po’ sugli uomini, il politico locale, il Pistola, lo Zombie e soprattutto i veri uomini, i pompieri.

 

Advertisements

Il vero Svevo si complica la vita

Mi stanno succedendo un bel po’ di cose, ma allo stesso tempo ci sono persone che stanno vivendo momenti ben più faticosi delle mie banalità lavorative / sociali, quindi è per questi eroi di pazienza e di coraggio che racconto questa storia particolarmente ridicola di regole sociali non scritte della zona più tirchia della tirchia Germania.

Parlavo con amici di regali e di quanto ammonterebbe la busta con i soldi socialmente corretta in occasione di un matrimonio o di un funerale (scopro ora che si imbucano o consegnano carte di condoglianze contenenti denaro).

Vi spiego con un esempio come funziona, se riuscite a seguirmi perché il vero Svevo si complica la vita.
Poniamo che Gloria e Gustavo si siano sposati 20 anni fa. Avevano la lista nozze e alcuni hanno regalato delle buste con i soldi. Gloria e Gustavo stampano la lista nozze e riportano quanto ciascuno ha speso, buste comprese, in quella occasione. Mettiamo che il figlio dello zio Peppino, che chiameremo cugino Erminio, si sposi il mese prossimo: quanti soldi mettere nella busta, si chiede il vero Svevo, che smania dalla voglia di complicarsi la vita? Va a recuperare la lista del suo matrimonio di 20 anni fa e controlla quanto lo zio Peppino aveva pagato per il matrimonio (al tempo cugino Erminio era un bimbo). XX marchi tedeschi? Benissimo, allora si cambia in Euro, poi si fa una valutazione sul potere d’acquisto per stabilire la cifra, in valore attuale, spesa quella volta da zio Peppino. Mettiamo che da questo calcolo venga fuori circa 50 euro, che sono il punto di partenza.
Adesso il vero Svevo ipotizza quanto spenderà il cugino Erminio a testa per il pranzo nuziale, magari cercando su Google il ristorante in questione: stimiamo 40 euro a testa, quindi per Gloria e Gustavo, entrambi invitati, 40 x 2 = 80 euro. A questo punto abbiamo 2 indizi: dobbiamo avere una cifra = o > di € 50 che deve anche essere > € 80 , perché se gli diamo i soldi solo per pagare il pranzo non rimane niente di regalo.
Tra i 90 e i 100 euro risulta in questo caso la cifra socialmente accettata da dare per il matrimonio del cugino Erminio.

La stessa cosa succede con i funerali, su cifre più piccole ma su un lavoro di registrazione più complesso. Quando è mancato il padre di Gustavo, 10 anni fa, già con l’Euro, la madre ha preso tutte le carte di condoglianze e ha listato chi ha offerto e quanto (dal panettiere al compagno d’infanzia), di modo che se e quando mancherà il padre del panettiere o il parente del compagno d’infanzia, potranno andare a verificare gli importi e regolarsi per donare a propria volta. Sarà quindi una cifra uguale o maggiore a quanto donato da inserire nella busta. Mi dicono che le cifre in queste occasioni vanno da € 5 ai € 20.

Mi avvisano inoltre che è frequente anche la stima di quanto avrà speso per il regalo di compleanno per un bambino, in modo da avere un riferimento per ricambiare.

Adesso che vi ho informati, ve lo dico: sono 4 anni che sbaglio tutto. Non ho idea di Chi abbia regalato Cosa (per non dire Quanto) per il mio matrimonio 2 anni fa. Non ho idea di Chi abbia regalato Cosa (e Quanto abbia speso) per i regali di compleanno dei Nani. Certo, è capitato di dovere fare dei regali, ma non ho mai conteggiato niente. Perché noi (italiani? emigrati? pigri? anime semplici?) i regali li facciamo col cuore, non con la calcolatrice.

1width300height300appearanceid1version1462131503

Immagine dal web su http://www.spreadshirt.it

 

Storia di un comunicatore

Una storia divertentissima l’ho sentita ieri sera dopo la grigliata in occasione del compleanno del nostro amico Frank.
Si parla di stalle, di selle e di cavalli, una passione condivisa da molti nella nostra zona, compresi i nostri amici.

Una coppia, proprietari di un cavallo, decide di acquistare una nuova sella presso un artigiano che produce appunto accessori per l’equitazione. Prendono così appuntamento con l’artigiano per provare la nuova sella al cavallo.
Ma come fare a capire se la sella calza effettivamente bene? Ovvio, lo si chiede al diretto interessato! La proprietaria telefona immediatamente con il cellulare a un comunicatore per animali svizzero, il quale viene messo in contatto telefonico col cavallo così da recepire il parere dell’equino. Prestazione a pagamento, chiaro.
Non ho poi capito se la sella sia piaciuta al cavallo e se l’abbiano comprata o no.

Oltre ad avere riso tantissimo, trovandomi a ponderare se è più matto uno che sostiene di parlare al telefono con un cavallo o la gente che lo paga profumatamente per l’assurda prestazione, ho scoperto un altro potenziale sbocco per il mio futuro lavorativo.
Dietro lauto pagamento traduco le parole del vostro gatto. Sono già pronta a comunicare alla vicina del piano di sopra le confessioni dei suoi tre felini: “La dieta a cui ci costringi fa schifo. Cambiare menu, grazie”.

The two Fs

Geography could have helped: living in Germany is not like living across the Ocean and there’s full of different travel options, less then 1 hour fly from Milan, 5 hours drive from Como to Stuttgart.

But.

My family is not like any family and it is extremely different from any Italian Family stereotype – meaning relaxed people, mommy full time in the kitchen and dad at work. My parents work more than anyone could imagine, they are successful too, they have 3 adolescents to take care and, being both active, fast and furious, they have no free time. They need at least one week to organize themselves from the moment I call them and there is no chance they could stay with us for more than 2 days: it is not that they don’t love me or my children, but actually there is no way they could be of any help in an emergency.

Then?

If you are like me, living in a foreign country with no Family available, you know you’re not alone, you can rely on the other F, Friends. By the way, I am always telling my son that “Friends (relationships) are the most important thing in life“, it is time to prove it.
In a few weeks I will probably need some help, even if I hate disturbing others with my own problems and I’ll do all I can to avoid it. I am touched that so many offered their help and I’ve hanged a list of their names and telephone numbers on the fridge. Any time I fear birth / the trip to the hospital / any other complication, I read it aloud again and I don’t feel panic  anymore – and of course I suspect most of my fears are caused by the hormones.

What could I do for those wonderful people when everything will be fine again: a special ThankYou party? A little present? Any ideas?

28c79aac89f44f2dcf865ab8c03a4201

p.s. Sorry, I just wanted to talk about the two Fs. It goes without saying, I have the best Team partner.

Musìk!

Tempo fa avevo visto questa bellissima vignetta su Facebook del disegnatore di comics Evilkids – questo il sito.

 

rebels

Immagine Evilkid Production http://www.evilkid.com

Ecco, sta succedendo circa questo. Io e Lui, dal passato, presente e futuro ben diverso, stiamo affrontando con una certa sorpresa l’ingresso in casa di musiche dell’orrore. No, non lo Zecchino d’Oro, i due Liocorni, il cowboy Arturo, Backe Backe kuchen e Alle meine Ente, cavalli di battaglia degli asili italiani e tedeschi. E’ il puro trash dilagante tanto caro agli amici tedeschi, quelle canzoni tamarre après-ski davanti alle quali uno non può far altro che chiedersi il perché. E soprattutto ci chiediamo perché facciano parte della colonna sonora di tutte le festicciole dedicate alle famiglie.

“E io volo, io volo, come una mosca, sono forte, forte, forte come una tigre, e così grande, grande, grande come una giraffa, così in alto, così in alto. E io salto, salto, salto continuamente, e nuoto, nuoto, nuoto verso di te, ti prendo per mano e dico oggi è così una bella giornata”

Il cavallo rosso se posso è un tantino peggio

 

Ma il re dei tamarri definitivo, quello da cui  la Cristina D’Avena nostrana avrebbe molto da imparare, è tale Volker Rosin, specializzato in musica per bambini, non in après-ski.

Il tizio cicciotto biondo è lui, l’inimitabile. Questo è solo il pezzo che da noi va per la maggiore. Ma consiglio fortemente l’ascolto di Ich habe eine Tante in Marokko, e vediamo se si risvegliano ricordi di cacce del leone (pemm pemm) nella foresta equatoriale.

Insomma, se in casa Nana parla solo ed esclusivamente di Cecco e Cipo, se Nano sa cantare tutto il Cimino, dacci oggi e sempre il nostro pezzo trash quotidiano.

Genitori-Abend

i_puffi_smurfs_the_movie_009

Comincio dalla fine: queste sono le facce esauste all’uscita

Visto che qualcuno me l’ha chiesto, vi racconto come è andata la famosa riunione genitori del Kindergarten, durata dalle 20.00 alle 23.30 in un tripudio di discussione animata, perché tutto il mondo è paese, in questo caso tutto il mondo è un paese piccolo piccolo.

Ricordate la Famiglia Stronzi? Bene, la mamma degli stronzi è la capofila di quegli 8 che si sono offerti di far parte del Elternbeirat, il consiglio genitori. A mio parere l’interesse verso “chi sono” i componenti del consiglio genitori dovrebbe essere tendente a zero: simpatici o antipatici, intelligenti o dementi, hanno un ruolo nullo nell’educazione impartita al Kindergarten. Hanno un ruolo attivo nell’organizzazione delle iniziative collaterali, feste di Natale, di Pasqua, dell’Estate e fanno qualche proposta alla direttrice e magari, ma non ne sono certa, alzano la voce se c’è qualcosa che non va.

La direttrice è una che dorme in piedi e che non ci fa, ci è. Data la situazione, quasi tutti hanno dei problemi col personale insegnante cioè che alcuni dormono in piedi o seduti, come la suddetta direttrice. Di questi problemi, citando vari esempi e situazioni, potremmo parlare per ore, ma quello che è risolutivo, modesto parere di una rompiscatole, è chiedere appuntamento con l’insegnante e tentare di dargli una svegliata tenendo alta la pressione. Quello di cui non mi aspettavo di dovere parlare è del livello di competenza del consiglio genitori (ce ne frega qualcosa?) e del ruolo della madre degli Stronzi all’interno (di nuovo, ce ne frega qualcosa?). Il retroscena di cui io, Ausländer, non potevo essere a conoscenza, è che la madre degli Stronzi è al centro della lotta tra due tribù mammesche, la tribù che pensa che sia una stronza e la tribù che pensa che sia un genio. Nel privato ho simpatia per la prima tribù ma me lo tengo per me. Poi mercoledì ho conosciuto le supporters dell’altra fazione e ho capito tutto: le supporters della mamma degli Stronzi sono, ahimè, “mamme sceme”.

La serata è stata vivacissima: la mamma degli Stronzi è risultata l’unica che non rileva i problemi col personale di cui sopra, le mamme sceme sono le uniche due che sostengono la sonnolenza cronica della direttrice. In un’altra occasione, informale con solo alcune amiche, in proposito avevo suggerito un thermos di caffé espresso che mi sarei impegnata a portare all’asilo tutte le mattine.
Da parte mia sono stata impegnata (ma ero stufa e volevo andare a casa) da una mini discussione con una mamma scema in cui io parlavo di una cosa e lei rispondeva con un’altra, culminata in due momenti indimenticabili con un’altra mamma che si alza in piedi e sbotta “oh, ma la Chiara è mezzora che sta dicendo un’altra cosa!!” e il momento di debolezza in cui sono uscita con un italianissimo “No, qui non ci capiamo…” per poi proseguire in tedesco.

La misura è stata colma alle 23.35, mentre esausta mi avviavo all’uscita: la mamma scema con cui ho discusso si avvicina e chiede “ma tu da dove vieni?” e io “perché? …Italia, Como.”. Risposta: “Italia? Ah. Io pensavo fossi olandese, dall’accento.” Sì, certo, ho l’accento olandese. Avete capito perché “mamma scema”?

Il Martire dallo stomaco di ferro

Inizio sempre con le migliori intenzioni e, devo proprio dirlo, con un certo accanimento.
Dovete sapere che Lui è il Martire dei miei tentativi culinari e che con l’esperienza ha imparato a preoccuparsi quando mi vede in cucina con il pc che impasto. Di norma vuol dire due cose: 1) sto tentando di preparare qualcosa che non so cucinare 2) non ho in casa gli ingredienti e sto cercando su Internet ricette facili / veloci / con meno ingredienti possibili.
Sì, perché sono una cuoca media, ma soprattutto ho un repertorio limitato alle specialità della mia regione, la Lombardia: tutto bene, a volte perfino eccellente la polenta uncia, il risotto alla milanese, la cotoletta impanata, perfino il risotto con pesce persico se trovo la materia prima, il tradizionale paradello. Usciti dai confini, a parte qualche eccezione di cucina standard (dalla pasta al pomodoro in giù), è il disastro.

Quando vivevamo a Modena il problema non si poneva: voglia di tigelle, gnocco fritto, pizza? Si usciva a mangiare.
Ma da 3 anni vedo il mio povero Lui penare nella speranza di mangiare almeno una misera piadina o una focaccia e ogni tanto provo ad accontentarlo, con tentativi esilaranti.

Le focacce sono il mio tentativo più usuale, perché la focaccia mi piace molto, quella normale, con niente, solo un po’ unta. Ho provato diverse ricette su Internet e vi posso assicurare che nessuna di queste ha prodotto il genere di “pane” che ricordavo.

Oggi invece ho riprovato, nell’intimità del pranzo in solitaria, a preparare delle piadine per stasera con l’intento di stupire Lui e di farcirle con quel pochino di prosciutto rimasto in frigorifero (ricetta veloce, facile e in padella, non posso stare 1 ora ad impastare, dovrei essere a letto) . Ricordo il sapore delle piadine e sono certa ci sia qualcosa che non va, manca qualcosa, ma che cosa? E poi il risultato, anche come pane, è diverso. Una specie di ostia molle senza sale.

Di 3 che ho cotto, una mi è scivolata per sbaglio nel lavello mentre spalmavo l’impasto in padella, una l’ho fatta bruciare e una l’ho mangiata. Per una volta Lui, il mio Martire dallo stomaco di ferro, resterà all’oscuro del mio ennesimo fallimento.

E voi, che cosa non sapete proprio cucinare?

20151110_115411

I rimasugli dell’unica simil-piadina. Se non altro, sembra sorridermi. Mi starà prendendo per il …??

Italian Slang

Andrea, mia carissima amica, mercoledì mattina mi ha accompagnato ad una visita dal ginecologo. Alle 8 di mattina l’appuntamento e io pensavo d’essere la prima paziente della giornata, invece c’erano già nello studio altre 3 pazienti panciute, 2 in piedi avevano il classico passo da ippopotamo gravida. La terza era in sala d’attesa e di lei ho notato di sfuggita solo la pancia e frettolosamente l’ho collocata nel tris di gravide (quatris se mi ci metto anche io, anche se la pancia per ora non si vede ancora).

Tornando a casa, Andrea mi spiega che la tizia in sala d’aspetto non è incinta, che è una sua amica d’infanzia con cui ha avuto uno screzio anni fa e da allora non si salutano più. In poche parole, si è trattato di una amicizia di convenienza protrattasi per anni, con prestiti di soldi e aiuti a pioggia, finché, intorno ai 25 anni, l’allora fidanzato di Andrea oggi suo marito, non ha suggerito di darci un taglio. Da allora fine dell’amicizia e fine di ogni rapporto.
Come avrete capito, Andrea (ed anche sua madre è della stessa pasta) è tra le persone più buone del mondo, con una generosità straripante che non chiede mai niente in cambio.

Di fronte ad un bel caffé, Andrea cerca tristemente di descrivermi la sua ex amica “sai, ha sempre chiesto e io le ho sempre dato tutto… è tra le persone più cattive che conosco… non saprei come descriverla…” E io: “In poche parole… E’ una Stronza!” Andrea studia italiano da più di 3 anni, con dubbi risultati, e si mette a ridere. “Cosa vuol dire Stronza?”
Mi spiego: “le persone come la tua amica, in italiano si chiamano Stronze. E’ aggettivo, puoi fare Stronzo, Stronza, Stronzi, Stronze”.
Andiamo avanti, caffé e spetegulèss “Poi ha quella faccia, ti guarda sempre dall’alto in basso… non è che sia proprio brutta, ma ha l’espressione antipatica…” E io: “Ah , ha la Faccia da Culo!” Giù a ridere di nuovo, perché “culo” e “faccia” sa cosa vogliono dire e ci metto pochi secondi a spiegarle l’espressione tecnica.

Andrea riassume, in italiano zoppicante: “Ho-capito. Lei – è – una – Stronza – con – Facia – da – Culo”. Giusto.

Stamattina aspetto lei e la madre per la lezione di italiano e un buon caffé. Non che io mi vanti di essere una grande insegnante di italiano, ho fatto solo 1 corso all’università sull’insegnamento dell’italiano come L2 ma non ho mai preso certificazioni in tal senso visto che la mia carriera lavorativa ha poi imboccato un’altra strada. Però me la cavo e vedo che i risultati ci sono, le mie due amiche sono molto migliorate e io sono soddisfatta, per loro soprattutto. Sì, perché 3 anni di lezioni alla VHS con tale Maria di Bari non hanno portato grandi frutti e allora mi hanno chiesto di fare un po’ di conversazione e di chiarire i punti (per ora tutti) che non hanno capito. Non voglio dire che la Sciura Maria sia una insegnante scarsa (anche se in 3 anni e  più di corso, i livelli sono deludenti e non può dipendere solo dagli studenti). E che non è una insegnante di italiano, bensì una madrelingua italiana nata in Germania. Ha alcune lacune di grammatica e di conseguenza difficoltà a spiegarsi di fronte a persone che si approcciano all’italiano come L2.

Dopo la lezione di Slang, oggi pronomi personali soggetto e complemento. Buona giornata!

Se a qualcuno interessasse, questo è tra i migliori libretti pocket per chi studia italiano (partendo dal tedesco). Per chi viaggia, ma anche per chi è interessato a un italiano colloquiale, veloce, d’uso quotidiano. “Reise Know-How Verlag Peter Rump GmbH; Auflage: 3. Auflage (25. Juli 2014)”

Shot di aceto

Per essere una che non si ammala praticamente mai, questo 2015 è stato un anno di cacca. Direi anche letteralmente, visto che negli ultimi 15 gg la mia famiglia, una persona per volta, ha preso ed emesso il virus del mal di pancia 2 volte ciascuno.

Risolto il problema virus, per non farmi mancare niente ieri sono stata da un medico, un sostituto molto avanti con l’età, che mi ha consigliato il rimedio definitivo a tutti i miei problemi: Obst Essig, aceto di frutta, disponibile in tutti supermercati a modico prezzo. Posologia: 1 cucchiaio al giorno secondo il medico, berne “tanto” secondo l’infermiera.

Ne ho comprate 3 bottiglie, ne ho aperta una e mi sono versata lo shottino.
Non lo auguro a nessuno. Sarà sanissimo, ma che schifo!

 
Immagine dal web

Vacanze parte 2 – Italia

Moltissime delle famiglie expat che seguo sono state in Italia durante la stagione estiva. Anche noi abbiamo seguito l’onda (del lago), tanto più che nella stessa settimana di Agosto, a soli 3 giorni di distanza, si festeggiano il mio compleanno e quello del mio fratello CoccoriCò.

Intanto il viaggio è andato benissimo: sole ma non troppo caldo, il 20 agosto mio compleanno perfetto festeggiato con 5+1 ore di viaggio in auto. Una volta arrivati, abbiamo letteralmente invaso la casa perfetta dei Nonni Imbruttiti, ecco l’invasione dei Barbari! 4 giorni di relax tutto italiano, accogliendo con gioia il sole e le temperature miti ma non troppo calde.
Dopo 600 km in auto, chi poteva dire no a quel CoccoriCò, al Cocomero e alla Cocomera (sì, perché per quanto molto Imbruttiti, i Geni di bambini per casa ne hanno 3)?? Così il giorno dopo li ho portati a Gardaland. Sì, avete capito bene, un venerdì d’agosto a Gardaland, con delle code incredibili. Non è stata solo questione di buon cuore, intendiamoci, Raptor e soprattutto il nuovo Oblivion sono stati un ottimo incentivo.

Oblivion è la novità 2015 di Gardaland, con una discesa in picchiata completa.
La Cocomera, 10 anni, ha voluto salire su Oblivion come prima giostra della giornata e si è molto divertita, coda a parte. Poi non ha voluto fare il classico Blue Tornado “perché si va a testa in giù”. Ma su Oblivion sei andata a testa in giù! L’abbiamo visto il percorso anche durante la coda, le ho detto io. “Ah, non mi sono accorta”.

Due giorni in auto non potevano che essere la premessa di una speciale giornata a Ossa, Valbrona, dove la famiglia di mia madre ha da secoli una baita. E’ un pellegrinaggio in salita a cui siamo affezionati e con orogoglio ho potuto offrire ai nonni, ai prozii e ai procugini di Montagna un pronipote di Germania che a 3 anni e mezzo cammina. E per camminare intendo in salita, in montagna, senza piangnucolamenti, con una grinta da far mangiar la polvere a certi adulti.
Il compleanno del CoccoriCò è stato un momento in famiglia, riuniti per i 14 anni dello zio inimitabile.

ossa x il verso giusto

Ossa, Valbrona, giusto un po’ di anni fa.

A questa visita in Italia una menzione speciale va a mia madre, la N.I. per eccellenza: lei, maniaca dell’agenda piena, ancora prima che arrivassimo ci aveva sistemato appuntamenti con parenti e conoscenti, graditissimi ma fittissimi, orario pranzo, caffé, cena e apericena. Ancora lei, si è ricordata della mia nostalgia per il Caprino di Mucca e ne ho fatto il pieno.

Un’altra menzione onorevole la devo spendere per il mio cellulare Samsung Dual Sim. Non so come, ma alla dogana di Brogeda (noto punto di confine tra Svizzera e Italia) ENTRAMBE le schede Sim si sono bloccate. Numero italiano Wind e numero tedesco Telekom.
Gli ultimi 30km di viaggio sono stati coloriti dalle risate di Lui e dei Nani di fronte alla mia isterìa e alle parole di fuoco verso “quell’idiota che ha inventato tutte questi sistemi di sicurezza antifurto / e che mi rubino ‘sto telefono / e che chiamino con il mio numero, chissenefrega, al massimo ricevono loro le mie chiamate di lavoro / e ho una prepagata, che mi secchino il credito, al massimo ho su 20 euro /%(%&&((&(&$“. Inutile dire che io non giro con i PUK di 2 schede Sim diverse tatuate sul palmo della mano, i PUK sono in casa mia, da qualche parte.

Insomma, torniamo dall’Italia soddisfatti per avere fatto molto (perfino dopocena  io e Lui in gelateria).

Gelateria Excalibur a Cesana Brianza (CO). Il migliore gelato in zona e oltre.

Torniamo anche vagamente rimbambiti da tutti i discorsi, le persone, le domande. Perché non facciamo mai soggiorni italiani lunghi, 4 giorni al massimo, e in quei pochi giorni concentriamo l’impossibile e chi ci è affezionato si precipita a salutarci. L’interesse non è poco per questi bambini che parlano due lingue, per questi due lavoratori nella terra del “demonio Merkel” come sembra sia dipinta la Cancelliera dai media italiani. Noi abbiamo guadagnato molto dallo spostarci, soprattutto in tranquillità: ma i nostri cari li vediamo spingere l’accelleratore del proprio lavoro oltre il limite, a scapito della propria salute, per fare andare una macchina che sembra avere dei freni che non si possono sbloccare. Va male. E purtroppo, per chi lo vede da fuori, si nota.