Crash

L’ambientazione classica, bambini recuperati all’asilo, Nano in bicicletta e Nana sul seggiolino della mia bici. Anche la caduta è stato un classico intramontabile: discesa su ghiaietto con curva in fondo. Insomma, Nano non ha frenato con l’apposito strumento, la bici in curva non ha tenuto e si è trovato con il muso spalmato per terra. Frenata di faccia su ghiaia bagnata, con mamma dietro che inchioda, molla bici e Nana per salvare il Nano incidentato.
Appurato che il Nano 1. rispondeva ai richiami 2. non ha rotto gambe / braccia, gli ho tolto la ghiaia di bocca, ho pulito un po’ il volto insanguinato con un fazzoletto, e l’ho ahimè esortato a riprendere la pedalata verso casa. Ha pedalato e ha pianto tutto il tragitto e credo non ce l’avremmo fatta se non avessi promesso un cioccolatino premio. A casa, finita la disinfezione d’obbligo e il cioccolatino, Nano si sentiva tutto indebolito e voleva andare a letto, invece la sua amica del cuore lo aspettava allo Spielplatz e la piccola ha vinto sul grosso spavento perché dopo averla raggiunta Nano si è tranquillizzato e si è rimesso a giocare.

Questi sono i cioccolatini premio, rimedio per quasi tutti i mali.

Sempre in tema di incidenti, io e Andrea (la solita) abbiamo investito un gatto. Ha fatto crash anche lui, povera bestia scema che attraversa la strada velocissimo, all’improvviso, al buio totale e senza guardare.
La settimana non è ancora finita e domani ho la cena dei genitori dell’asilo: mi devo aspettare la caduta dalle scale o l’avvelenamento da cibo guasto?

Advertisements

One thought on “Crash

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s